5 cose da vedere a Tropea e dintorni

Stai pensando di venire in vacanza a Tropea?
5 cose da vedere a Tropea.

Segui questa piccola guida e prenota il tuo soggiorno all’Hotel Orizzonte Blu

Tropea, è una località turistica della Calabria, sulla sponda del Mar Tirreno, si può anche dire senza ombra di dubbio che è la località turistica più conosciuta della Calabria. E’ nota e scelta soprattutto per le sue acque cristalline e per le sue spiagge dalle sabbie bianche.

La località è viva, accogliente, solare, rilassante, ideale per staccare dal caos e dalla routine. 

Le cose da vedere a Tropea sono talmente tante che scegliere è veramente difficile e per non farvi trovare impreparati, vi consigliamo 5 cose da vedere a Tropea che non possono proprio mancare nei vostri itinerari di viaggio.

1. SANTUARIO DI SANTA MARIA DELL'ISOLA

Tropea

Il santuario sorge sull’omonimo scoglio nelle vicinanze del Comune di Tropea. È probabile, che lo scoglio dell'isola fosse abitato, intorno al VII-VIII secolo, da eremiti. Questi, isolandosi dal mondo civile, si dedicavano ad una vita contemplativa e ascetica. Le prime indicazioni scritte dell’uso dello scoglio per finalità monastiche risalgono all'XI secolo, tutto ciò che è precedente deve essere considerata come ipotesi storica. Per molti anni appartenne ai monaci basiliani e a partire dall'undicesimo secolo vi abitarono i monaci Benedettini. Fu proprio Roberto il Guiscardo, il duca normanno, a volere il passaggio dal rito greco a quello latino, intorno al 1060. In seguito ai terremoti del 1783 e del 1905, si conserva ben poco della struttura originaria. La scala che si percorre per raggiungerla è stata realizzata intorno al 1810.

Divenuta uno dei luoghi simboli della Calabria a livello mondiale, questa chiesa è di origine medievale.

LA LEGGENDA DELLA CHIESA DI SANTA MARIA DELL’ISOLA

Anche sulla chiesetta di Santa Maria dell'Isola esiste una leggenda che narra di come la vergine giunse nel paesello. Al tempo dell'iconoclastia, una statua della Vergine giunse a Tropea proveniente dall'Oriente. Il popolo scese al lido, insieme al vescovo e al sindaco per festeggiare l'arrivo della statua in legno della Madonna. I due capi del paese decisero, di comune accordo, di installare la statua della Madonna all'interno di una nicchia, in una grotta naturale, presente nello scoglio della rupe. La statua, purtroppo, risultava troppo grande rispetto alla grandezza della nicchia. Fu per questo motivo che i capi della comunità convocarono un falegname affinché risolvesse il problema, segando le gambe della Madonna.

2. LA CATTEDRALE

cattedrake-di-tropea

La cattedrale di Maria Santissima di Romania è situata a Tropea ed è concattedrale della diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea.

Venne edificata intorno al XII secolo ad opera dei Normanni. Durante il Seicento, l'edificio fu trasformato in stile barocco e allungato di 12 metri. Subì molti danni a causa dei molteplici terremoti ed ebbe numerosi restauri.

A sviluppo longitudinale, a tre navate in stile normanno, la struttura venne interamente costruita in conci di tufo giallino e pietra lavica. L'interno ospita l'icona della santa patrona della città, la Vergine di Romania, opera di un allievo di Giotto databile attorno al 1230 e di provenienza orientale. Particolare attenzione merita il maestoso Crocifisso Nero, proveniente probabilmente dalla Francia e databile non prima del 1600.

3. LE SPIAGGE DI TROPEA

  • SpiaggiadiTropea
  • spiaggia-del-convento
  • spiaggia-la-linguata
  • spiaggia_della_rotonda_tropea
  • Santa_Maria_dellIsola
  • marinadellisola
  • Il-Mare-PIccolo

Una località di villeggiatura originale che offre mare cristallino, bellezze naturali e architettoniche e spettacolari distese di sabbia bianca perfette per rilassarsi.

Queste sono le spiagge di Tropea e dintorni da non perdere

• Spiaggia Passo Cavalieri (Mare del Convento)

• Spiaggia del Convento (Mare del Convento)

• Spiaggia A Linguata (Mare Grande)

• Mare Piccolo

• Spiaggia Le Roccette o La Rotonda

• Spiaggia del Cannone

4. CASTELLO DI MURAT A PIZZO CALABRO

  • Castello-Murat-panoramica
  • Castello-Murat-esterno
  • Castello-Murat-interno
  • Castello-Murat-rappresentazione
  • tomba_GioacchinoMurat

Eretto nella seconda metà del XV secolo da Ferdinando I D’Aragona a difesa del Regno, il Castello di Pizzo, che si erge sulla parte occidentale della cittadina consacrata a S. Giorgio, è costituito da un massiccio corpo quadrangolare con due torrioni cilindrici angolari di cui la torre grande, detta torre maestra, è di origine Angioina (1380 circa).

Il castello in cui fu prigioniero Gioacchino Murat oggi adibito a museo. È una costruzione quadrangolare da un lato a picco sul mare e dall'altro circondata da un profondo fossato. Al suo interno è custodito un residuo di una scultura di Antonio Canova (l'originale fu distrutta durante il passaggio di Giuseppe Garibaldi, ne è rimasta intatta solo una parte rappresentante un elmo). Si accedeva all'interno tramite un ponte levatoio costruito in mezzo a due torrioni, che è stato ora sostituito da un ponte tradizionale in pietra calcarea. Il castello è dedicato a Murat, che qui venne fucilato il 13 ottobre del 1815. All'interno dell'edificio vi sono alcune ricostruzioni storiche e testimonianze di quei tragici avvenimenti.

5. CHIESETTA DI PIEDIGROTTA A PIZZO

  • chiesetta-piedigrotta-panorama
  • chiesetta-piedigrotta-interno
  • chiesetta-piedigrotta-esterno

La chiesetta di Piedigrotta è un luogo di culto cattolico, interamente scavata nelle rocce tufacee, situata un chilometro a nord di Pizzo, in località "La Madonnella". Al suo interno sono presenti diversi gruppi scultorei che l'arredano, anch'essi in tufo. La chiesa è contigua alla spiaggia, ed essendo esposta a ponente, ne risulta molto suggestiva la visita pomeridiana, quando i raggi del sole penetrano nelle profondità delle grotte mettendo in risalto le colorazioni dei sali minerali che ricoprono le pareti. Alcuni definiscono la visita della chiesetta come un'esperienza mistica.